Acquista al telefono: +39 0438 1710029

Pasta Gentile

Esistono diverse varietà di riso che commercialmente sono denominate Carnaroli (come ad esempio il Karnak e il Carnise precoce), ma nella Riserva San Massimo viene prodotta solo quella autentica, il Carnaroli, nonostante la produzione sia più limitata e la complessità nel produrla sia maggiore.

Il Riso Carnaroli della Riserva San Massimo
nasce nel cuore del Parco del Ticino: un ambiente naturale incontaminato di 500 ettari (circa 900 campi da calcio) dove la conformazione geografica e ambientale non ha subito i mutamenti portati dall’agricoltura intensiva.

Gli spazi naturali sono intervallati da aree agricole, dove vivono piante da frutto, prati marcitori e pioppeti. Un ambiente ricco di acqua (sorgive, paludi, marcite) e di biodiversità, dove convivono moltissime specie animali e vegetali:la Riserva di Guido Antonello è stata riconosciuta Sito di Interesse Comunitario.



Il processo di produzione, dalla trebbiatura al confezionamento, avviene in modo tradizionale.
L’essiccazione viene effettuata a basse temperature con un moderno impianto a gas metano che non crea rotture nei chicchi e soprattutto non lascia traccia di combustibile sul riso.
Il riso viene quindi stoccato in silos arieggiati, come un tempo,
senza alcun conservante nocivo
.


Il riso viene pilato in piccoli lotti, per garantire maggiore freschezza e il mantenimento di tutte le qualità organolettiche.
La pilatura viene fatta con dei macchinari antichi di tipo “Amburgo” dove il processo di raffinazione è effettuato a bassa intensità.


Dino Massignani, il produttore, ci racconta l'Autentico Carnaroli e la Riserva...

L'arricchimento del riso con la sua gemma è un procedimento esclusivo brevettato dai Rondolino. La gemma viene miscelata lentamente con il riso bianco in modo che compenetri nella parte esterna del chicco, recuperando così le sue parti più preziose.

Griglia Lista

Imposta ordine discendente

2 Prodotti/o

Griglia Lista

Imposta ordine discendente

2 Prodotti/o